Accessori per lo studio: la didattica creativa

Accessori per lo studio: la didattica creativa

Studiare è un dovere, farlo in maniera creativa è sicuramente un vantaggio per gli studenti di qualsiasi scuola, elementare, media, superiore o anche universitaria. Per questo è importante avere sempre a disposizione degli accessori utili per lo studio, per poter seguire le lezioni, prendere appunti, fare schemi, preparare compiti e svolgere qualsiasi tipo di attività in maniera ordinata ed efficiente.

DAD e digital: quali accessori?

L’ordine e la comodità sono ancora più fondamentali nella didattica a distanza (DAD) e in chi utilizza dei dispositivi elettronici (notebook, tablet, eccetera) per studiare. La tecnologia è indubbiamente un grande aiuto e mette a disposizione strumenti veloci e molto comodi, ma è fondamentale non pensare che possa essere sufficiente affidare la gestione della didattica esclusivamente a un notebook. Specie nei bambini e negli adolescenti, infatti, la tecnologia è una dimensione alla quale vanno educati e non lasciati in pasto; per questo l’utilizzo degli strumenti digitali deve essere progressivo e attento. La didattica a distanza è in molti casi un’opportunità, ma va vissuta con attenzione per evitare che venga perso il senso dell’educazione e della formazione, confondendo la lezione scolastica con l’episodio di una serie TV o con il livello dell’ultimo videogame.

5 migliori accessori per lo studio

Qualunque tipo di studente ha bisogno di specifici accessori per lo studio; scopriamo quali sono i migliori da avere sempre a disposizione sulla scrivania o nell’astuccio.

Libri e quaderni

I libri, ovviamente, sono parte fondamentale di ogni percorso scolastico ed è fondamentale poterli avere sempre a disposizione da consultare o per svolgervi sopra gli esercizi. Stesso discorso per i quaderni; che siano per gli appunti o per trascrivere dei compiti o degli schemi non devono mai mancare sulla scrivania di uno studente. Tra gli accessori utili per lo studio troviamo sicuramente i segnalibri in legno personalizzati, preziosi per tenere il segno della pagina dove si è arrivati a studiare e per ritrovarla rapidamente quando necessaria. A differenza degli altri metodi (segnare il numero della pagina, piegare l’angolo o lasciare dentro una penna, l’uso dei segnalibri, oltre a essere molto elegante, è decisamente più veloce e pratico, anche perché non rovina i libri di testo.

Penne e matite

Così come i quaderni tra gli accessori indispensabili per lo studio è fondamentale poter contare su penne e matite. Ognuno, specie i più grandi, ha il suo metodo di studio fatto di modi di prendere appunti, colori, evidenziatori e schemi necessari per migliorare la memorizzazione delle lezioni, ma tutti devono poter contare su questi strumenti. In base alle proprie preferenze è consigliato avere a disposizione sempre più di una penna o di una matita (o di un temperamatite) per evitare che nel momento clou della lezione o dello studio si rimanga sprovvisti, interrompendo l’attenzione e la capacità di apprendimento.

Sedia confortevole

Studiare è un dovere, ma non deve diventare uno strazio. Per questo, specie in tempi di didattica a distanza dove oltre allo studio bisogna seguire da casa anche le lezioni scolastiche, è fondamentale mettere i ragazzi nelle migliori condizioni di lavoro. Una sedia confortevole, imbottita e capace di assicurare una postura corretta è sicuramente imprescindibile. Da evitare il divano, le sedie della cucina o quelle del soggiorno, che possono distrarre o provocare dolori e fastidi alla schiena.

Supporto notebook

Dovendo passare molto tempo davanti al PC è necessario che questo sia messo nella posizione corretta per permettere ai ragazzi di vedere lo schermo senza doversi piegare con il collo. Il supporto per il notebook è quindi uno degli accessori indispensabili per lo studio che deve essere sempre presente sulla scrivania e che permette di regolare l’altezza e l’inclinazione anche per diversi utilizzatori (fratelli o genitori).

Calcolatrice scientifica

Infine, per i ragazzi delle scuole elementari e medie, ma anche per quelli di istituti scientifici, è imprescindibile avere a disposizione una calcolatrice. Si potrebbe utilizzare lo smartphone, ma oltre a non essere accettato dagli insegnanti e a non avere sempre tutte le funzioni presenti in una calcolatrice scientifica (a meno che di non scaricare un’applicazione specifica) il cellulare è una grandissima fonte di distrazione tra messaggi e notifiche dei vari social network.