Farmaci specifici per l’impotenza: aspetti generali

Farmaci specifici per l'impotenza aspetti generali

Oggi si sente sempre più parlare di impotenza, condizione che colpisce molti uomini e non soltanto in età avanzata. Le ragioni di questo disagio possono essere molteplici, ma per fortuna esistono farmaci che assicurano buoni risultati nel breve e lungo periodo. Le disfunzioni sessuali spesso portano anche ad un senso di frustrazione e finiscono per interessare la sfera emotiva. Gli uomini che hanno problemi di erezioni soffrono molto per l’ansia da prestazione e vivono le relazioni in maniera poco appagante sotto ogni punto di vista. Correre ai ripari è importante per tornare ad avere un’esperienza sessuale piena e soddisfacente. Il consulto del proprio medico di fiducia si rivela determinante per trovare la cura più adatta al caso specifico e ottenere i risultati sperati.

Quali farmaci poter assumere per contrastare i problemi di impotenza

Nell’ultimo decennio sono apparsi sul mercato numerosi farmaci appositamente formulati per combattere e superare i disagi che riguardano la disfunzione erettile. L’assunzione di questi medicinali, in ogni caso, richiede la massima attenzione, oltre che una preventiva visita medica. Queste soluzioni vengono spesso considerate semplici rimedi per problematiche abbastanza complesse. In realtà, chi deve prendere con regolarità questi farmaci potrebbe essere esposto al rischio di dipendenza o rassegnarsi del tutto nel caso in cui non si dovessero notare dei miglioramenti. Bisogna poi considerare anche possibili ed eventuali effetti collaterali. Solitamente si tratta di effetti indesiderati lievi e che hanno una breve durata, ma in alcune situazioni si possono verificare delle reazioni anche importanti e più invasive. In tema di farmaci per l’impotenza le domande più comuni sono riportate qui di seguito. Vediamo quali sono e le relative risposte per sciogliere ogni dubbio.

  • Quale sostanza è paragonabile al Viagra?

Di certo il Viagra è il medicinale maggiormente noto e quello più prescritto, ma esistono delle soluzioni quasi equivalenti come ad esempio il Cialis. Esiste poi il Levitra che offre risultati simili e si rivela anche abbastanza tollerato. Leggendo il foglietto illustrativo di questi farmaci sarà facile notare una somiglianza anche con i principi attivi.

  • Qual è la migliore pillola per l’erezione?

Non esiste una pillola per l’erezione migliore in assoluto, anche perché i risultati che si ottengono sono del tutto soggettivi e dipendono dalle condizioni fisiche e di salute in cui si trova il paziente. Anche l’aspetto emotivo gioca un ruolo determinante sull’efficacia della pillola per l’erezione. Per queste motivazioni bisogna evitare il fai da te e farsi sempre consigliare dal proprio medico.

  • Quali farmaci danno impotenza?

Esistono numerosi medicinali che vengono usati comunemente e potrebbero generare problemi di disfunzione erettile. Quest’ultima non deve essere comunque considerata come la conseguenza per aver assunto il farmaco, quanto come un effetto collaterale. In genere provano impotenza gli antipertensivi, i diuretici e le soluzioni formulate per l’insufficienza cardiaca. L’effetto collaterale dell’impotenza potrebbe essere determinato anche dai medicinali gastroenterologici e urologici. Droghe di ogni genere sono anche responsabili di problematiche legate alla sfera sessuale.

  • Quanto dura l’effetto del Vardenafil?

In merito alla durata degli effetti dei farmaci contro l’impotenza non è possibile dare una risposta assoluta e che valga per tutti in maniera indistinta. Anche in questo caso il tempo di efficacia è del tutto soggettivo. Per quanto riguarda il Vardenafil, in particolare, in media si stima che l’erezione possa perdurare da 4 e fino a 5 ore. Questo farmaco, infatti, non fa altro che migliorare il flusso sanguigno nella zona genitale, allo stesso modo di ciò che avviene con altri medicinali che vantano gli stessi principi attivi. Naturalmente bisognerà sempre attenersi alla posologia raccomandata dal proprio medico curante.

Farmaci contro l’impotenza sessuale e per migliorare l’erezione: altre cose da sapere

Chi sceglie di prendere farmaci per lasciarsi alle spalle il problema dell’impotenza sessuale, dovrà prestare particolare cautela, specialmente in caso di ipertensione o patologie cardiache. La visita medica preventiva è quindi determinante non solo per stabilire la cura maggiormente adeguata, ma anche per scongiurare il rischio degli effetti collaterali. Solitamente i medicinali per migliorare e prolungare l’erezione dovranno essere assunti lontano dai pasti, dai 15 e fino a 30 minuti dall’attività sessuale.

Quanto all’efficacia, come già accennato, non è possibile fare stime precise, ma solitamente è di circa 4 ore. Alcuni medicinali, tuttavia, possono avere una durata d’azione da 6 e fino a 36 ore. Quando somministrati assieme ai nitrati potrebbero provocare un calo della pressione arteriosa, in quanto andranno a dilatare eccessivamente i vasi, con conseguente rischio di shock. Occorre quindi essere prudenti e informare il proprio medico su ulteriori rimedi e farmaci che vengono presi per curare altre patologie. L’impotenza, a differenza di quello che si potrebbe pensare, non interessa solo uomini adulti ma anche tanti giovani.

Potrebbe essere un problema passeggero, legato ad esempio alle preoccupazioni lavorative e familiari, ma anche un disagio generato da altre variabili. Alcune volte potrebbe scomparire in maniera naturale, specialmente quando vengono risolti certi blocchi emotivi, ma in diversi casi occorre un aiuto esterno, quindi un farmaco apposito che andrà a rendere maggiormente vigorosa e duratura l’erezione. Come scritto qui e poi chiarito da diversi studi di settore questi farmaci non andranno ad influire sul desiderio sessuale, quindi non possono essere considerati afrodisiaci. L’erezione dovrà pertanto essere innescata da stimoli appropriati, altrimenti non si potranno ottenere i risultati tanto sperati, oltre che la durata media d’azione.