Le spille, accessori versatili e di tendenza

La spilla è un oggetto che solitamente si pensa che possa essere indossato solo da donne più adulte e che appartengono a un ceto sociale più elevato, invece non è così, le spille eleganti e preziose possono essere indossate come gioielli anche da donne e da uomini di giovane età che possono scegliere di abbinarle ad altri capi di abbigliamento caratterizzati da uno stile casual.

Soprattutto negli ultimi anni stanno riscuotendo un grande successo e sono diventate accessori di tendenza, utilizzati da grandi stilisti anche in passerella.

La prima regola da rispettare è quella di non utilizzare una spilla eccentrica su capi di abbigliamento colorati, caratterizzati da stampe vivaci, soprattutto se l’intento è quello di costruire un outfit formale. Infatti, se si presenta vistoso cattura l’attenzione già da per sé, abbinarlo ad altri oggetti troppo appariscenti vuol dire “esagerare” e spesso con il cattivo gusto.

La seconda regola è, infatti, quella di cercare di abbinare i giusti capi di abbigliamento e anche nella maniera più opportuna. Per esempio, puoi applicare una spilla personalizzata direttamente sul vestito, attenzione però, che non sia troppo delicato il tessuto.

In quale posizione è meglio inserire la spilla? Le migliori sono: al centro, se si tratta di un vestito provvisto di una scollatura profonda, oppur su uno dei due lati, se si tratta di un abito più sobrio e coperto.

Nel caso di un outfit casual è meglio posizionare la spilla sul foulard, sulla camicetta, oppure sul maglione a tinta unita. Esistono svariate tipologie di spille, che possono essere utilizzate in funzione della loro forma e del loro colore.

Le spille sono oggi utilizzate generalmente come accessorio decorativo, in alcuni casi invece, assumono un valore simbolico, per cui vengono utilizzate solo in specifici contesti. Si pensi a quelle utilizzate per commemorare un evento in particolare oppure il raggiungimento si specifici traguardi, come possono essere quelli sportivi.

O ancora, alcune spille sono utilizzate come fermaglio e sono appositamente decorate per poter abbellire le acconciature.

In passato le spille trovavano applicazione anche in ulteriori contesti, quelle cammeo, dell’epoca vittoriana, caratterizzate da immagini femminili intagliate e posizionate su supporti in oro o in argento. Le spille da lutto furono utilizzate per commemorare i defunti e furono in voga nel Diciottesimo secolo. Caratterizzate dal color seppia, presentavano una custodia per custodire i capelli del defunto.

In tempi antichi erano di moda anche le spille grand tour, nel Diciannovesimo secolo venivano utilizzate per simboleggiare dei luoghi e utilizzarle per ricordare il viaggio avvenuto in una determinata città, un po’ come oggi si utilizzano le calamite da frigorifero. Presentavano mosaici in vetro, rappresentativi di paesaggi, animali e fiori, sovrapposti a uno sfondo nero, impreziosito di pietre preziose.

Dunque le spille sono state e sono tutt’ora molto apprezzate, per via della loro capacità di conferire al capo di abbigliamento un tocco più ricercato e originale, nonostante ciò si tratta di un elemento non semplice da abbinare e indossare.

Negli anni veniva considerata con un accessorio impegnativo ma è stata riconsiderata per potere essere accostata a nuove linee e per poter essere abbinata a degli stili più casuale, giovanili e ironici. Il sempre maggiore utilizzo delle spille ha rappresentato una nuova opportunità di versatilità e personalizzazione del proprio look.

Spille retrò vengono accostate a quelle moderne per creare giochi di effetto. Queste possono essere abbinate al blazer, alla giacca, per ottenere i più svariati risultati: tono chic, stile esotico, romantico o tocchi divertenti.

Questi accessori sono utili per personalizzare una camicia, dei jeans e le sneakers, insomma, sono ideali per dare libero sfogo alla fantasia e all’originalità.