Tarli del legno: come riconoscerli ed eliminarli

Tarli del legno: come riconoscerli ed eliminarli

Il tarlo del legno è un insetto molto piccolo che può appartenere a diverse specie, ognuna delle quali ha una caratteristica fondamentale in comune, quella di nutrirsi del legno partendo dall’interno e svuotandolo letteralmente. Sono le larve che, appena fuoriescono dalle uova, iniziano il loro vorace sgranocchiamento rendendo fragili tutti i componenti costituiti da legno. Non si tratta solamente di mobili e suppellettili ma anche delle travi portanti di un edificio o di quelle che sostengono tetto e solette.

Ma come si può sapere quando ci sono gli acari del legno visto che spesso sono invisibili ad occhio umano? In effetti è proprio così, la specie più piccola del tarlo non si vede ma si vedo i segni che lascia, mentre per le specie più grandi (2-3 cm) oltre a vedersi si possono sentire i rumori dello sgranocchiamento del legno.

Inoltre vi sono i famosi forellini che si possono notare sulla superficie, più sono e più il legno è stato danneggiato in quanto indicano uno stato avanzato dell’infestazione da acari del legno. Nelle vicinanze del materiale colpito dai tarli, si può scorgere della segatura materiale di scarto che fuoriesce dai fori di sfarfallamento. Questi sono chiari segnali che è in atto un’infestazione ed è quindi necessario rivolgersi a professionisti della disinfestazione.

Come eliminare il tarlo del legno dalle travi

Se si possiede una casa con travi in legno è indispensabile che si effettuino spesso controlli per verificare che non vi siano buchini del tarlo, segatura o altri segni di infestazione. Al primo segnale di presenza di acari del legno, si deve subito intervenire per eliminarli in quanto, nel momento in cui si rendono visibili significa che hanno già operato mangiando una buona parte all’interno della trave.

Un’ispezione da parte degli specialisti della disinfestazione (che sanno come eliminare i tarli dalle travi www.glispecialistidelladisinfestazione.com) permette di comprendere quale tipo di legno è stato attaccato, quale specie di tarlo è presente e la strategia da utilizzare per poter eliminare il problema nel minor tempo possibile e senza arrecare danni alla struttura oltre che all’ambiente. La tecnologia ci viene in aiuto in questo caso in quanto i macchinari di ultima generazione sono in grado di distruggere i tarli a qualunque stadio del loro ciclo vitale senza arrecare danni al legno stesso.

Trattamento antitarlo per eliminare i tarli dalle travi

Il sistema di ultima generazione, innovativo ed efficace contro gli acari del legno, è quello che emette microonde direzionabili. Questo macchinario utilizza infatti il calore prodotto dalle microonde per poter sviluppare calore raggiungendo la profondità del trave attraversandolo completamente. Si tratta di un emettitore di microwave capace di portare la temperatura del legno fino a raggiungere i 75°, ovvero il punto di calore letale per i tarli del legno.

Il legno non subisce alcun cambiamento in quanto ha una resistenza che va oltre i 200°, quindi le travi restano intatte mentre gli insetti vengono distrutti. Ma non si parla solo di tarli adulti, infatti le microonde riescono a eliminare anche le uova e le larve. Se così non fosse, dopo pochissimo tempo, ci si ritroverebbe nella stessa situazione in quanto le uova darebbero vita ad altre larve che ricomincerebbero a mangiare il legno.

Se restassero vivi gli acari del legno adulti, si riprodurrebbero ad una velocità impressionante e le travi continuerebbero ad essere consumate dall’interno fino a crollare. Le microonde sono perfette per le strutture di legno che non si possono muovere, il trattamento antitarlo delle travi quindi si può fare sul posto e senza inquinare l’ambiente in quanto non si utilizzano sostanze chimiche.