Tutto quello che c’è da sapere sui prestiti per insegnanti e personale ATA

Tutto quello che c'è da sapere sui prestiti per insegnanti e personale ATA

I docenti e il personale ATA sono dei lavoratori dipendenti pubblici e statali che, come tutta la categoria di questi lavoratori, hanno la possibilità di godere di numerosi vantaggi economici e fiscali. Questi lavoratori vengono considerati affidabili dal punto di vista creditizio e del rimborso delle rate mensili. Le principali agevolazioni economiche previste per i docenti e per il personale ATA delle scuole pubbliche sono costituite dai prestiti personali e dai finanziamenti.

Sono delle forme di credito al consumo che consentono di ottenere una certa liquidità aggiuntiva in modo semplice e in poco tempo. Grazie ad un accordo specifico tra il Ministero dell’Economia e delle Finanze e alcuni istituti di credito finanziari, gli insegnanti oggi possono accedere a delle soluzioni di prestiti personali attraverso la modalità della cosiddetta cessione del quinto.

Cessione del quinto: la soluzione più comoda

Tra tutte le tipologie di finanziamenti che oggi possono essere richiesti da insegnanti e personale ATA, i prestiti con cessione del quinto sono quelli che presentano il maggior numero di vantaggi. Non a caso, risultano essere i finanziamenti oggi più richiesti da queste categorie di lavoratori. Offrono infatti dei vantaggi, soprattutto a lungo termine, e permettono una modalità di rimborso attraverso rate mensili che risulta molto comoda. I prestiti con cessione del quinto NoiPA sono dei finanziamenti ideati appositamente per gli insegnanti e per tutto il personale scolastico che desiderano ottenere una certa liquidità. Sono dei finanziamenti che vengono concessi principalmente a condizioni molto agevolate e che hanno dei tempi di erogazione molto rapidi.

I prestiti NoiPA vengono concessi grazie ad una convenzione stipulata tra alcune finanziarie e istituti di credito e il cosiddetto MES, ovvero il Ministero dell’Economia e delle Finanze. Questo finanziamento può essere richiesto anche da chi ha avuto dei ritardi di pagamento di finanziamenti richiesti in precedenza. Inoltre, è una soluzione perfetta anche per chi desidera consolidare altri debiti che sono in corso, ottenendo in questo modo un’unica rata più sostenibile con un tasso di interesse agevolato e ridotto.

Grazie a questi prestiti, c’è la possibilità di richiedere anche degli importi molto elevati. Di solito, vengono richiesti pochi mesi di anzianità lavorativa per richiedere questi finanziamenti. I tassi di interesse applicati a questi prestiti sono abbastanza ridotti e rimangono fissi per tutta la durata del piano di ammortamento del prestito. Sul sito web Iprestitiadipendenti.it trovi tutte le informazioni utili sulle varie tipologie di prestiti destinate a insegnanti e personale della scuola.

Quali importi si possono richiedere?

Grazie ai prestiti NoiPA per insegnanti e personale scolastico, si possono richiedere oggi degli importi che sono pari alla singola mensilità della retribuzione INPS. Ciò significa che si possono richiedere dei finanziamenti con importi che possono andare da 1 a 4 mensilità nette di stipendio. Queste mensilità si possono poi rimborsare entro un certo arco di tempo. Si può andare da 12 a 48 mesi.

L’importo della rata mensile da trattenere direttamente sullo stipendio dell’insegnante può essere richiesto anche in doppia mensilità fino ad un massimo di 8. Questo è permesso però a condizione che non ci siano delle ulteriori trattenute di stipendio a carico del lavoratore dipendente. Come specificato su questo sito, le rate mensili di questo finanziamento non andranno mai a superare un quinto delle entrate mensili di ogni singolo cliente. Inoltre, avverrà una trattenuta in modo automatico direttamente sullo stipendio del lavoratore stesso.

Si possono richiedere anche online?

Chi non ha la possibilità di recarsi di persona presso una banca o una finanziaria può richiedere dei prestiti con cessione del quinto anche direttamente on-line. In questo caso, l’unico documento che occorre mostrare è l’ultima busta paga. In questo modo, le banche e le finanziarie saranno propensi a concedere dei finanziamenti anche attraverso questi portali e dietro la compilazione di un apposito modulo di richiesta. Questo modulo dovrà poi essere inoltrato ad una banca o ad una finanziaria di riferimento. A questo punto, il lavoratore non dovrà fare altro che aspettare la risposta che spesso arriva anche entro pochi giorni dall’invio del modulo.